Monastero degli Olivetani e Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo

Monumenti Lecce

Il monastero degli Olivetani è un complesso monastico, risalente alla fine del XII secolo per volontà di Tancredi d’Altavilla. Attualmente è una delle sedi del Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo dell’Università del
Salento. Dal chiostro del Monastero è possibile accedere alla Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo. La facciata esterna della chiesa mostra sia la severità del romanico pugliese che l’esuberanza del barocco leccese.

L’interno è diviso in tre navate da pilastri quadrilobati con semicolonne addossate. In origine la superficie interna era ricoperta interamente da affreschi. Nella cupola centrale sono raffigurati l’Incoronazione ed il Transito della Vergine. Nelle navate laterali sono presenti alcuni altari tra cui quello dei santi Niccolò e Cataldo. Di pregevole valore artistico sono la statua di san Nicola benedicente, nella navata sinistra, e due acquasantiere, tutte opere realizzate nel XVI secolo e attribuite a Gabriele Riccardi. Al XVII secolo risalgono il monumento sepolcrale del poeta epico leccese Ascanio Grandi e gli affreschi del coro (1619).