Monumenti Lecce

Monumenti Lecce

Castello Carlo V

Maestosa fortificazione, il Castello Carlo V si trova nel cuore della città, a pochi passi da Piazza Sant’Oronzo, al confine tra la città vecchia e il centro moderno. Fortemente rimaneggiata nel corso dei secoli, la struttura conserva l’originale impianto trapezoidale con quattro imponenti bastioni angolari a punta di lancia. Due corpi concentrici, risalenti a epoche differenti e separati da un cortile intermedio, svelano le diverse fasi storiche vissute dal Castello. I recenti lavori di scavo archeologico hanno messo in luce le gallerie sotterranee, corrispondenti al fossato del castello medioevale.

Monumenti Lecce

Piazza Sant’Oronzo

Piazza Sant’Oronzo è il centro della città vecchia. Nella centralissima piazza, è situato il grande Anfiteatro (I secolo a.C.), un tempo capace di contenere ben oltre ventimila spettatori. Dall’alto dei 29 metri della sua colonna, Sant’Oronzo veglia sui cittadini. La statua in bronzo, realizzata a Venezia nel 1739, si trova sui rocchi di una delle colonne romane poste al terminedella via Appia a Brindisi.

Monumenti Lecce

Mura urbiche e Palazzo Giaconìa

Il completamento del restauro delle Mura Urbiche permette ora ai turisti di tornare nell’importante giardino-fortezza che circonda il complesso che il monsignore leccese Angelo Giaconìa, vescovo di Castro, cominciò a costruire nel 1546.
I giardini sono limitati dalle mura della città e dalla loro sommità si affaccia un pergolato in ferro battuto con colonne seicentesche; uno spettacolo da cui ammirare il tramonto dell’altopiano del Salento. Palazzo Giaconìa è infatti visitabile ogni giorno, dalle 16 alle 21, con accesso sia da piazzetta dei Peruzzi che dalla passerella del Parco delle Mura

Monumenti Lecce

Monastero degli Olivetani e Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo

Il monastero degli Olivetani è un complesso monastico, risalente alla fine del XII secolo per volontà di Tancredi d’Altavilla. Attualmente è una delle sedi del Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo dell’Università del
Salento. Dal chiostro del Monastero è possibile accedere alla Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo. La facciata esterna della chiesa mostra sia la severità del romanico pugliese che l’esuberanza del barocco leccese.

L’interno è diviso in tre navate da pilastri quadrilobati con semicolonne addossate. In origine la superficie interna era ricoperta interamente da affreschi. Nella cupola centrale sono raffigurati l’Incoronazione ed il Transito della Vergine. Nelle navate laterali sono presenti alcuni altari tra cui quello dei santi Niccolò e Cataldo. Di pregevole valore artistico sono la statua di san Nicola benedicente, nella navata sinistra, e due acquasantiere, tutte opere realizzate nel XVI secolo e attribuite a Gabriele Riccardi. Al XVII secolo risalgono il monumento sepolcrale del poeta epico leccese Ascanio Grandi e gli affreschi del coro (1619).

Monumenti Lecce

Basilica di Santa Croce, Palazzo dei Celestini e Piazza del Duomo

L’architettura barocca si può ammirare in particolare nei monumenti della Basilica di Santa Croce (il cui rosone caratterizza il logo dell’Università del Salento), del Palazzo dei Celestini, situato a fianco della stessa Basilica, e nella piazza del Duomo, una delle piazze principali della città di Lecce, dove si trova la Cattedrale di Santa Maria Assunta (il Duomo), il Campanile, l’Episcopio (la residenza vercivescovale) e il Palazzo del Seminario.